Platinette si sfoga: “È un mese che sono qui, la notte mi prende la malinconia”

0
161

E’ passato già un mese da quando Platinette, Mauro Coruzzi , è stato ricoverato in urgenza per un ictus. Le sue condizioni di salute sono migliorate ma giustamente si inizia a sentire il peso della solitudine. Ed è proprio lui ad ammetterlo con un post molto toccante che ha pubblicato su Instagram in cui cita anche “La notte”, uno dei brani più toccanti della sua amica grande artista Arisa

https://www.instagram.com/p/Cq3SsNUoi54/?igshid=YmMyMTA2M2Y=

“Ormai è un mese che sono all’ospedale Niguarda. Miglioro, mi dicono, ogni giorno, ma nonostante tutto questo, alla sera, mi prende una leggera malinconia. Per passare, passa, ma intanto penso alla notte. ‘Ma quando arriva la notte’”, ha scritto accanto ad un suo selfie nella stanza dell’ospedale. Il suo post è diventato subito virale sul web ed è arrivato anche alla stessa Arisa che gli ha subito risposto: “Ciao Patatino, spero di rivederti presto presto! Ti amiamo”, gli ha detto. Platinette è tornato ad aggiornare i fan annunciando che forse potrà tornare finalmente a casa l’indomani con un post pubblicato nella serata di martedì 11 aprile: “Domattina saprò se verrò dimesso o no – ha scritto -: prove di resistenza muscolare, equilibrio, valori pressori, prelievo etc etc. Mi chiedo ora se sarà l’ultima notte in questa stanza dopo un mese tondo di degenza ospedaliera e mi domando come sarà, se accadrà, il tornare a casa, con tutte le paure del caso e le incertezze del nuovo assetto, pur continuando la terapia riabilitativa fuori dall’ospedale… ‘e poi, poi domani passerà, tu spezza il cerchio alle abitudini…e poi domani capirai che non abbiamo corso a vuoto mai, se il cuore torna ancora a illuderci’”.